Pages Navigation Menu

Rocco PELLICANI, Referente Regionale Juventus Club Doc

Quagliarella-Pogba, un duo da tre punti

Quagliarella-Pogba, un duo da tre punti

Le partite spettacolari sono un’altra cosa, questo è sicuro. Ma è proprio con  gare come quella del Tardini che si costruiscono stagioni vincenti. Contro il Parma, la Juve si dimostra solida, non rischiando mai nulla, e paziente, aspettando il momento giusto per colpire. Deve attendere un’ora abbondante per passare, ma alla fine ottiene il giusto premio per la maturità e la caparbietà mostrata e torna a Torino con i tre punti. Tre punti d’oro, perché sul campo degli emiliani, non saranno tante le squadre capaci di ottenerli.

Basta vedere l’inizio della gara per capire quanto Parma sia tosto: l’iniziativa è in mano dei padroni di casa e la Juve, contrariamente alle abitudini, deve contenere. Il diagonale di Gobbi all’11′  crea un po’ di apprensione e stimola i bianconeri a prendere campo. Giovinco e Tevez combinano bene in area e l’Apache arriva al tiro, bloccato da Mirante, che neutralizza anche la sventola di Vidal dai trenta metri.

Non è una gara esaltante e gli schemi speculari delle due squadre non favoriscono lo spettacolo: gli spazi sono pochi e al massimo si arriva a provare qualche conclusione dalla distanza. Il rasoterra di Vidal al 34′ è interessante, ma non centra la porta.

Se il primo tempo è soporifero, la ripresa parte col botto: Asamoah, dopo appena trenta secondi arriva al tiro, deviato in angolo da Biabiany. Al 7′ Pogba mette in movimento Tevez che tocca per Giovinco, il cui destro di prima intenzione è però troppo centrale. Il Parma risponde con lo sprint di Biabiany sulla destra e con il colpo di tacco di Amauri, che termina lontano dai pali.

Conte vuole più ordine nella manovra e inserisce Pirlo al posto di Marchisio, mentre Donadoni cambia Mendes con Felipe. Al 25′ arriva la prima vera occasione dell’incontro: Vidal imbecca Padoin sulla destra e il traversone trova Tevez in area. Il destro di prima intenzione dell’Apache viene respinto da Mirante.

Alla mezz’ora Conte cambia la coppia di attacco, inserendo in un colpo solo Llorente e Quagliarella al posto di Tevez e Giovinco. La mossa è decisiva, perché al primo pallone toccato l’attaccante di Castellammare di Stabia spara il destro dai venti metri e centra in pieno la traversa, Non c’è il tempo di rammaricarsi, perché sulla respinta del legno arriva Pogba che con Mirante fuori causa piazza il pallone in rete.

E’ un gol pesantissimo, che decide la sfida forse più impegnativa giocata dalla Juventus in questo campionato. Non tanto per i rischi corsi, ridotti praticamente a zero, ma per l’abilità del Parma di frustrare ogni iniziativa dei bianconeri. In gare del genere di solito le grandi squadre, se sono tali, sanno tirare fuori i colpi dei campioni. Bene, oggi allora si è avuta l’ennesima dimostrazione di un fatto ormai conclamato: la Juve è una grande squadra!

PARMA-JUVENTUS 0-1

RETI:  Pogba 32′ st

PARMA
Mirante; Cassani, Lucarelli, Mendes (24′ st Felipe); Biabiany, Gargano (38′ st Sansone), Marchionni (42′ st Obi), Parolo, Gobbi; Cassano, Amauri
A disposizione: Bajza, Benalouane, Acquah, Rossetto, Munari, Valdes, Mesbah, Rosi, Palladino.
Allenatore: Donadoni

JUVENTUS
Buffon; Barzagli, Ogbonna,  Chiellini; Padoin, Vidal, Pogba, Marchisio (17′ st Pirlo), Asamoah; Tevez (30′ st Tevez), Giovinco (30′ st Llorente)
A disposizione: Storari, Rubinho, Caceres, Motta, Isla, Peluso, De Ceglie
Allenatore: Conte

ARBITRO: Celi
ASSISTENTI: Galloni, Passeri
QUARTO UFFICIALE: Costanzo
ARBITRI D’AREA: Doveri, Giacomelli

AMMNONITI: 34′ pt Mendes, 44′ pt Marchisio, 5′ st Padoin, 18′ st Gobbi, 35′ st Llorente

 

Fonte www.juventus.com