Pages Navigation Menu

Rocco PELLICANI, Referente Regionale Juventus Club Doc

Il ricordo di Andrea

Andrea nasceva a Salerno il 26 Luglio del 1971, aveva intrapreso presto la strada dello sport, seguendo il fratello maggiore Candido in piscina per dedicarsi a nuoto e pallanuoto. Il calcio era un hobby, da coltivare nei mesi estivi. E fu appunto in una di quelle estati salernitane che venne visto all’opera, in un campetto di periferia, da Alberto Massa, tecnico e talent-scout, che lo convinse a seguirlo nella Giovane Salerno, squadra dilettantistica alla quale Andrea approdò a neppure tredici anni e che poi lo portò insieme ad altri giovanissimi talenti in giro per l’ Italia, a fare provini per squadre di rango come Torino, Cesena, Empoli, Napoli, Como. E proprio a Como le doti di Andrea non sfuggirono al direttore sportivo Sandro Vitali e al tecnico della Primavera, Angelo Massola, che lo ingaggiarono convinti di farne un grande centravanti. Fu il tecnico della squadra Allievi, Giorgio Rustignoli, a spostarlo dapprima sulla fascia sinistra, poi in difesa. Dopo la trafila nelle giovanili, Andrea debuttò in prima squadra, in Serie B, il 22 ottobre dell’ 89, a Pescara, fortemente voluto da Giampiero Vitali. A fine stagione aveva collezionato sedici presenze nella serie cadetta, oltre a un diploma di ragioniere che il ragazzo aveva inseguito perchè, amava raccontare, “i miei genitori, che non mi hanno mai ostacolato nelle scelte, quando partii per Como mi chiesero semplicemente di non trascurare gli studi. Promisi e, naturalmente, mantenni“.